AaVv, Ho famiglia

Ho-famiglia-copertina

Pagine 72
Prezzo € 7,00
Isbn 9788895432021
Anno 2008
Collana Ita(g)liani
Copertina di Daniele Rendo

«La nostra bandiera nazionale dovrebbe recare una grande scritta: Ho famiglia» (Leo Longanesi, Parliamo dell’elefante, 1947).

Ho famiglia, che prende il titolo dal  noto aforisma di Leo Longanesi, affronta uno dei temi italici per eccellenza e, grazie alla diversità delle penne, lo affronta con diversi pensieri, diverse realtà, diverse emozioni. Quelle che ci narrano gli autori del libro sono storie di immigrazione, di frustrazioni, di opportunismi. C’è chi utilizza l’ironia, attenendosi il più possibile a uno spirito “longanesiano”; c’è chi ricostruisce la violenza dei drammi familiari; chi racconta un po’ di se stesso; chi imbastisce una favola; chi ci sbatte in faccia l’indifferenza quotidiana e chi ci commuove con storie di miseria (umana ed economica insieme).
Sette modi differenti, insomma, di declinare il classico “tengo famiglia”.
Il libro è il risultato del concorso letterario Ita(g)liani, prima edizione.

Nello Agusani è docente di Economia aziendale e autore di testi per Mondadori Education. Nel 2007 è selezionato al concorso Racconti in 10 righe di Bagnacavallo; nel 2008 pubblica con Giraldi Happy Hour, Pataca e Vu Cumprà. Storie della Romagna globale e multietnica.
Lucia Baldini risiede a Lugo (Ra); insegnante, ha avuto vari riconoscimenti sia per racconti sia per poesie, anche in dialetto, e spera che i giovani non ne dimentichino l’espressività e il valore.
Francesca Carlucci, che ha da poco pubblicato una raccolta di racconti noir, percorre con la propria scrittura il sentiero oscuro delle emozioni più celate. Senza temere le tenebre, senza scordare la pietà.
Stefano Fabbri (Ravenna 1971), laurea in Lettere moderne presso l’università degli studi di Bologna, è programmatore. Ha pubblicato il romanzo Viserbella Outliners (Fernandel, Ravenna, 1997).
Massimo Padua è nato a Ravenna nel 1972. Ha compiuto studi in campo artistico ed è stato cantante di pianobar e attore teatrale. Ha pubblicato La luce blu delle margherite (Fernandel, 2005 – Premio Opera Prima Città di Ravenna), Lo sguardo nascosto (EU, 2007), L’eco delle conchiglie di vetro (Bacchilega, 2008) ed è tra gli autori del romanzo collettivo Byron a pezzi (Fernandel, 2008). È presente in numerose antologie, tra le quali Racconti nella rete (Nottetempo, 2008).
Marina Sangiorgi, nata nel 1972, laureata in Lettere a Bologna, vive a Imola e scrive racconti. Ha di recente pubblicato il libro Rubare tempo all’allegria (Raffaelli, Rimini).
Mirella Santamato è scrittrice, giornalista e poetessa. Ha collaborato stabilmente a numerose testate giornalistiche nazionali e partecipato a programmi televisivi. Ha pubblicato con Mondadori, Hobby & Work.