Paolo Brera, Eos. Sparare nel mucchio. Scritti di tuttologia applicata

Eos-copertina

Pagine 148
Prezzo € 13,00
Isbn 9788895432144
Anno 2011
Collana Effecì
Copertina di Elisa Cesari

Considerata sotto il profilo della fisiologia, la storia di Giulietta e Romeo è fatta di qualche coito e di due intossicazioni. Non è che sia sbagliato, solo che non è l’unico modo di vederla.

L’antica Sparta sarà davvero stata così barbara, a confronto con la “civile” e “democratica” Atene? La prima guerra totale della storia, quella tra gli Stati nordisti e gli Stati sudisti dei futuri Usa, si sarà combattuta proprio per difendere l’emancipazione e abolire la schiavitù?
La risposta a queste domande potrebbe trovarsi in quella che l’autore definisce “propaganda dell’avversario”.
Ma nei saggi contenuti in Eos, Brera ci parla anche di migrazioni, del significato di alcune illusioni (più quotidiane di quanto possa apparire dai rispettivi titoli), ci dice cosa lega il dono alla moneta, ci racconta del caffè – inteso quantomeno come pianta, bevanda e luogo dove si consuma – per farci scoprire come la distanza tra il caffè e l’ozio (per non tacer dell’otium) sia assolutamente breve.
Questi sono soltanto una parte degli argomenti che la raccolta di saggi propone. Una serie di riflessioni acute e acuminate, disseminate di preziose arguzie, che ci “rivelano” aspetti nuovi di faccende vecchie.
Insomma, se credi ancora possibile trovare risposte inedite alla domanda “che cos’è la proprietà”, questo libro fa per te.
Perché esercitare il pensiero, dopo tutto, è un gran bel modo di oziare.

Paolo Brera (Milano, 1949) è scrittore, traduttore, economista e giornalista. Laureato in Economia politica all’Università Bocconi, dove tra il 1974 e il 1978 è stato assistente di Storia economica, fino al 1985 ha svolto lavoro di ricerca sulle economie pianificate dell’Urss e dell’Europa Orientale, pubblicando una cinquantina di saggi su riviste specializzate e lavori collettivi. Dal 1981 si è dedicato prevalentemente al giornalismo, scrivendo per «Critica Sociale», «ItaliaOggi», «Il Secolo XIX» e collaborando – tra gli altri – con «Labour Weekly», «Il Corriere della Sera», «Exormissi», «Panorama». Dal 2000 si è dedicato alla narrativa e alla poesia, pubblicando diversi romanzi polizieschi e fantascientifici, tre raccolte di poesie, ma anche uno studio sull’economia mondiale per «Famiglia Cristiana» e collaborando alla riviste «Viator» ed «Eos». Dal 2008 divide la sua vita fra Nizza e Milano.
Altre informazioni alla pagina internet http://en.wikipedia.org/wiki/Paolo_Brera.